8.1.07

silence, roll camera... action. figure.

sofia, lo sappiamo tutti perfettamente che sei figa.
che, prima di tutto, tu stessa sei icona.
perché sei bellina, elegante, intelligente, in una sola, onnicomprensiva parola: hip.
scusa l'esagerazione, ma sei talmente hip da essere quasi repellente.
ecco, ora ti chiediamo una cosa.
potresti fare in modo che questa hipness non trasbordi in tutto?
io ieri sera volevo vedere un bel film.
non il film di una regista schifosamente figa.
epperò non è andata cosí: ma me lo aspettavo.
ogni singolo fotogramma di marie antoinette poteva avere un logo di una qualsiasi maison di moda in basso a destra.
e ce n'era per tutto: vestiti, borse, accessori, immagine di marca generica.
ho sbavato per tutto il tempo, è vero, sofia.
e mi ha anche fatto rosicare il fatto di non aver visto il famoso fotogramma con la scarpa converse in mezzo alle scarpe millesettecento.
ho sbavato per tutto il tempo, e per tutto il tempo ho desiderato avere una barbie a casa da vestire e svestire e rivestire.
e un vestito per carnevale con otto strati e il corpetto strettissimo e una parrucca da vera dama, e un ventaglio, una borsetta a sacchettino e delle scarpe con la fibbia e tutta la passamaneria dell'universo.
(e le calze bianche sorrette da giarrettiere di raso azzurre, chiuse con fiocchetti.)
si, ok, sofia.
sei fichissima.
ma il film dove stava?
dov'erano i personaggi, la trama, e tutte quelle cose che compongono un film, al di là della bellezza di ogni sua singola inquadratura?
l'abbiamo capito che sei una brava inquadratrice.
e una fantastica coolhunter.
che hai un occhio senza uguali per l'hipness.
(non a caso la rivisitazione stilistica di quest'anno verte appunto sul barocco. eh, che occhio lungo...)
ogni fotogramma di marie antoinette trasudava autoconsapevolezza autocompiacimento e autocelebrazione: minchia talé che bella inquadratura che sto facendo! minchia sono troppo figa!
e ciai ragione, sofia. sei figa.
infatti sul mio fondo de escritorio troneggia oggi un'inquadratura che ci mancava solo la scritta sopra "set as desktop wallpaper" direttamente sullo schermo del cinema.
ciai ragione.
ma poi?
...basta?
boh.

oltre la fascinazione da action figure, niente.
(intendasi bene: con tutto il rispetto che qui si nutre, ed è immenso, per la suddetta fascinazione.)
suddetta fascinazione per quanto ci riguarda ha pienamente giustificato il prezzo del biglietto, eh, intendiamoci.
suddetta fascinazione è radicata nel nostro essere ex bambine, ex piccole principesse, ex - come dice giustamente guia soncini - spettatrici di lady oscar.
sofia per prima, sicuramente.
e per aver tirato fuori tutto questo feticismo, per come lo ha trattato, insomma per questo piccolo bonbon di universale femminino, chapeau.
però, però, però.
però con tutto il rispetto, boh.

4 commenti:

Tengi ha detto...

picciotti talè che bedda recensione!.... grazie, avevo un dubbio se vedere il film o no! :-)

ella ha detto...

grazie biddazza. e il dubbio come si è risolto? :)

Paolino ha detto...

Maddai, gia' dal trailer si capiva che il film e' stato fatto solo perche' Sofia e Kirsten (lesbofidanzate, ma non lo dire in giro) cercavano una scusa per fare un po' di shopping a Parigi insieme.
D'altronde, che altro potevo aspettarmi da una che definisce la Coppola "bellina"?

ella ha detto...

la tendenza della gente hip a circondarsi solo dei suoi propri amichetti come in una piccola tenera bellina mafia hip mi è chiarissima, paolino, non avevo dubbi, la scelta hip dell'amichetta del cuore hip kirsten dunst come protagonista hip era scontata almeno quanto la hipness musicale :)