2.2.06

mamma per favore dammi i soldi tu

l'interesse pari allo zero che continuo a riservare alle questioni per cui percepisco uno stipendio comincia a preoccuparmi.

la priorità ostinata e persistente dei cazzi miei, dai fondamentali e ovviamente predominanti, ai più inconsistenti come "decidere in che modo cuocere le zucchine stasera" o "controllare sul televideo cosa c'è in televisione", non accenna a diminuire.

la mia dedizione nella celebrazione quotidiana del tempo morto, ritagliato ogni volta con cura a scapito del lavoro in fette sempre più grandi, sta diventando una missione esistenziale.

lunga vita ai tempi morti.
sono i tempi morti che testimoniano la nostra residua attitudine ad essere vivi.

colonna sonora: "tatranky", offlaga disco pax.
_

Nessun commento: